Industria delle Macchine Utensili


Il nostro studio di produzione video propone soluzioni professionali per aiutare le industrie Italiane a competere e a distinguersi sui mercati internazionali attraverso la digital communication.

Siamo specializzati nella produzione di video industriali e, grazie all'utilizzo delle tecniche di ripresa più avanzate, come le riprese aeree con drone, gli stabilizzatori elettronici d'immagine e le 
animazioni grafiche 3D, riusciamo ad imprimere un taglio cinematografico ad ogni nostra produzione video. 

La passione per la post-produzione video, per le tecniche di ripresa cinematografiche, per la fotografia e l'animazione grafica, unite al forte interesse per l'automazione industriale, per i processi produttivi e per la ricerca tecnologica, ci hanno spinto a sviluppare competenze tecniche e creatività che, con orgoglio, mettiamo al servizio dell'industria italiana.

I nostri servizi sono studiati per valorizzare al meglio qualsiasi tipologia industria: video di prodotto, video emozionali, video dei processi di produzione, video tecnici e tutorial, video per fiere ed eventi, video infografiche, fotografia industriale e still life.

Una macchina utènsile è una macchina atta a trasformare forma e dimensione di oggetti di qualsiasi materiale, mediante asportazione selettiva di sovramateriale in varie forme, tramite utensili.

Il termine macchina utènsile è solitamente usato per definire macchine che utilizzano una fonte di moto e quindi di energia diversa dal movimento umano, sebbene a volte necessitino di un operatore che le faccia funzionare. Molti storici della tecnologia sostengono che le prime vere e proprie macchine utensili si ebbero quando i processi di produzione dei pezzi meccanici (nel caso di utensili, stampaggio e affilatura) non coinvolgevano più in modo diretto l'azione umana. In pratica nel momento in cui fu possibile usare le macchine per svolgere queste operazioni. Secondo questa definizione, si considera che l'invenzione del tornio sia ad attribuire a Jacques de Vaucanson (all'incirca risalente al 1751) perché fu il primo a montare l'utensile di taglio su un supporto regolabile meccanicamente.

Le macchine utensili hanno il loro campo di applicazione primario nell'industria manifatturiera e meccanica, soprattutto nella lavorazione dei metalli.

La macchina utènsile ha tre moti, alimentati da uno o più motori elettrici.

 

  • moto di lavoro: il moto relativo con cui non si muove l'utensile lavorando il pezzo. Nel tornio parallelo il sistema di riferimento è basato sul pezzo che ruota, mentre nella fresalesatrice universale o nei Trapani-fresa è riferito alla fresa o alla punta elicoidale, cioè al movimento dell'utensile;
  • moto di alimentazione o di avanzamento: moto che permette alla macchina di lavorare di volta in volta parti diverse del pezzo, è solitamente trasmesso tramite cinghia trapezoidale o rotismi dal motore elettrico agli alberi della macchina utensile alimentando il cambio e la testa motrice;
  • moto di appostamento: viene così definito il moto che determina la profondità di passata ovvero la quantità di sovrametallo asportata durante un passaggio dell'utensile sul pezzo.

Vi sono vari sistemi di classificazione. Il primo si basa sul tipo di moto di lavoro:

  • macchine utensili a moto circolare uniforme (trapano, fresalesatrice, tornio);
  • macchine utensili a moto rettilineo alternato (rettifica per piani, piallatrice, limatrice, stozzatrice);
  • macchine utensili a moto speciale (mola, brocciatrice);
  • macchine utensili a moto circolare variabile (ultimi modelli macchine utensili).

 

Una classificazione un po' più grossolana ma assai comune distingue:

  • macchine utensili a pezzo mobile in cui il pezzo da lavorare è in movimento più o meno uniforme e l'utensile compie solo moto di traslazione longitudinale o trasversale (tornio, piallatrice);
  • macchine utensili a utensile mobile in cui il pezzo è fermo o compie un moto limitato, è l'utensile trasla o ruota nella lavorazione (Fresatrice, trapano, limatrice, stozzatrice).

Un'altra importante e più generale classificazione riguarda la produzione che si può ottenere coi vari tipi di macchine:

 

  • Macchina universale: a comando manuale o a comando numerico è usata per le lavorazioni più varie;
  • Macchina per grandi produzioni: macchina che permette di produrre grandi quantità di pezzi a basso costo, utilizzando diversi utensili contemporaneamente;
  • Macchina speciale: macchina costruita apposta per eseguire una determinata lavorazione;
  • Macchina combinata: la macchina combinata è un insieme di più macchine speciali che lavorano un pezzo bloccato su una piattaforma;
  • Macchina transfer: è composta da varie stazioni, e il pezzo passa da una all'altra a seconda della lavorazione da eseguire.